Donne gamer: le più famose nel Mondo

(Sponsorizzato da Acer)

Si parla spesso dei gamer maschi più famosi e più pagati, e molto meno delle donne gamer. Ma i dati ci dicono che le donne gamer aumentano: scopri qui chi sono le più famose e perchè, insieme alle più pagate nel mondo. Infine, potrai trovare le molte offerte Acer per Notebook Gamer, con le quali potrai risparmiare se vorrai entrare anche tu nell'affascinante e sempre più remunerativo mondo del gaming.

Alcuni dati sui gamers e le gamers

Da molto tempo ormai i videogiochi non sono più soltanto sinonimo di passatempo, bensì un vero e proprio fenomeno culturale, il cui valore di mercato, secondo un report dell’associazione di riferimento IIDEA riportato da Il Sole24Ore sfiora i due miliardi di euro. Amato da oltre 17 milioni di italiani che affrontano sfide alla console, con notebook gamer o direttamente con il proprio smartphone, conta tra i suoi player più accaniti utenti tra gli 11 e i 24 anni, con una prevalenza ancora di uomini (53%), ma dove le donne rappresentano ormai il 47%. Un dato confermato anche dall'americana Entertainment Software Association (ESA) con il 46% di gamer donna.

Non solo: secondo uno studio AESVI, a livello europeo l'Italia risulta essere il Paese con la percentuale più alta di donne interessate agli eSports (43%), seguita dalla Spagna con il 41%, e dal Regno Unito con il 33%.

Una voce, quella femminile nel mondo del gaming, che ancora non sembra trovare la stessa risonanza e gli stessi riconoscimenti di quello maschile. Ecco perché di seguito troverai le gamer più famose, che non solo si sono distinte sui campi virtuali di gioco o come Influencers, ma hanno fatto parlare di sè anche come developers, portavoci delle minoranze o di un'idea innovativa di gaming.

Donne Gamer: influencers, ma anche portatrici di idee innovative e inclusione

produkt bild

Julia Kreuzer

Conosciuta online con il nome di Miss Rage, ha cominciato a giocare sin da piccola con un Nintendo Game Boy, per poi lanciare nel 2014 il suo canale online, dove ha cominciato a condividere video sulle sue partite e nonostante l’apparente parere contrario dei genitori. Julia esercita le sue capacità di gamer soprattutto con World of Warcraft, ma non disdegna i videgiochi sparatutto in prima persona multiplayer, come Counter-Strike, Global Offensive, Overwatch, Fortnite and League of Legends.

produkt bild

Bonnie Ross

Non soltanto Gamer, Bonnie Ross è la fondatrice e guida di 343 Industries, uno studio specializzato nello sviluppo di videogiochi ora di proprietà di Microsoft. Anche se ha cominciato a giocare sin dal 1994, Bonnie è forse ancora più famosa per aver contribuito alla famosa serie di videogiochi Halo, sviluppando anche tutte le successive release. Inoltre ha contribuito anche allo sviluppo di Counter-Strike, Mass Effect, Gears of War and Zoo Tycoon.

produkt bild

Annah Rutherford

Conosciuta online con il nickname di Lomadia, Hannah era una creatrice di contenuti per il canale di videogiochi Yogscast su Youtube. Dal 2019 ha lasciato il gruppo, pur non interrompendo del tutto la collaborazione, e continua a creare contenuti e a condividere video in streaming delle sue sfide online su Twitch, la piattaforma di streaming video live per gamer più grande al mondo. Considerata a tutti gli effetti un'influencer del settore e spesso invitata ad eventi in qualità di esperta, Hannah è particolarmente appassionata di giochi di avventura, horror e puzzle.

produkt bild

Tanya DePass

Tanya è la fondatrice di Need Diverse Games, un’organizzazione no-profit con sede a Chicago che mira a supportare tutte le donne di colore che lottano per ottenere riconoscimenti nel mondo del gaming. Famosa con il nome d’arte Cypheroftyr, questa giocatrice, giornalista e attivista ama diversi generi di videogiochi, dal simulatore Animal Crossing: New Horizons fino ai più intensi Streets of Rage 4 e Assassin’s Creed Odyssey. Quando non è impegnata nelle sue amate sfide online o per una causa, Tanya ama scrivere e leggere romanzi.

produkt bild

Keisha Howard

Keisha è la fondatrice di Sugar Games, un gruppo che rappresenta le minoranze nella comunità gamers e nella cultura geek. Auto-proclamatasi infatti “Geek of all trades” e forte di collaborazioni con giganti come Microsoft e Nintendo, è una grande appassionata di realtà virtuale, realtà aumentata e il futuro della tecnologia in generale. A lei viene riconosciuta la grande capacità di portare alla luce i benefici del gaming al di là del puro intrattenimento, evidenziando come i videogiochi possano essere non solo intrattenimento, ma anche un mezzo per veicolare idee e ispirare gli altri.

produkt bild

Tiffany Garcia

Con uno stile inconfondibile caratterizzato da coloratissime luci al neon, cuori e unicorni sul suo canale Youtube seguito da 6,8 milioni di persone, Tiffany propone diversi tipi di contenuto, che toccano una vasta scelta di generi e titoli, tra cui Animal Crossing: New Horizons, Beat Saber, Grand Theft Auto V e Minecraft. Opinionista e conosciuta dai suoi fan come iHasCupquake, ha iniziato la sua carriera condividendo tutorials su World of Warcraft, per poi lanciare “The Art of Gaming” dove mostra il suo talento non solo come gamer ma anche con progetti artistici “Fai-da-te”.

Le top 3 gamer donna per montepremi vinto

1. Sascha Hostyn

Nome d'arte: Scarlett

Anno di nascita: 1993

Paese di origine: Canada

Montepremi vinto finora: $362.000, con Starcraft II.

2. Li Xiao Meng

Nome d'arte: Lioon

Anno di nascita: 1988

Paese di origine: Stati Uniti

Montepremi vinto finora: $226.450 e prima donna a vincere il Grand Masters 2019.

3. Siobhan Bielamowicz

Nickname: HaganeNoTema

Anno di nascita: non disponibile

Paese di origine: Australia

Montepremi vinto finora: $122.716, soprattuto giocando a Attack on Titan Tribune.

Vuoi diventare anche tu una gamer? O semplicemente vuoi divertiti con i tuoi amici e le tue amiche? Allora non perderti le offerte che Acer propone per tutte e tutti i gamer, dagli accessori fino ai gamer notebook per chi mira a diventare un* professionista o semplicemente affrontare sfide online per divertimento.